Strumenti

Quattro partite, quattro recuperi per ricominciare!

Calcio che riparte: dopo la finale di Coppa Italia, vinta dal Napoli sulla Juventus, è il momento di parlare di Campionato perché domani si riparte con i quattro recuperi che porteranno tutte le squadre del Campionato ad un numero equivalente di partite giocate.

Dunque domani scendono in campo Torino-Parma, poi Verona-Cagliari quindi Atalanta-Sassuolo e Inter-Sampdoria.

Il Brescia, come è noto, giocherà lunedì 22 Giugno a partire dalle 19.30 a Firenze contro la Fiorentina di Beppe Iachini.

In preparazione di questa sfida con i gigliati, il Brescia ha affrontato in amichevole l'Udinese alla Dacia Arena di Udine.

Il match si è chiuso con il successo dei padroni di casa per 2 a 0.

Un Brescia che non è parso molto diverso da quello al quale eravamo abituati prima del lockdown, un Brescia incapace di essere davvero pericoloso in zona tiro e sempre alle prese con problemi difensivi.

E' finita 2 a 0 ma poteva anche andare peggio perché Joronen ha parato nel finale anche un rigore.

Nel Brescia naturalmente assente Balotelli, ormai ai margini, orami destinato a lasciare il Brescia.

La querelle tra la Società biancoazzurra ed il giocatore assistito da Rajola continua.

Ieri Balotelli è stato sentito per oltre un'ora dalla Procura Federale; alla base di questo interrogatorio la vicenda relativa ai tamponi che secondo lo staff di Balotelli non sarebbero stati effettuati sul giocatore biancoazzurro. Naturalmente il Brescia smentisce e minaccia azioni legali nei confronti di chi ha diffuso questo tipo di notizie.La vicenda è soprattutto a pannaggio degli Avvocati e quindi staremo a vedere come finirà.

Da ricordare, a proposito di vicende legate al Calcio ed agli avvocati, anche quella relativa a Marroccu: l'ex direttore sportivo del Brescia infatti è stato sanzionato per aver fatto, secondo la sentenza, una serie di firme false, imitando la calligrafia di Cellino, relativamente ai contratti di Ndoj e Dessena ed al pagamento della procura nei confronti dei suoi procuratori.

La domanda che però ci si pone è:"E' pensabile che Marroccu abbia fatto queste firme senza l'autorizzazione di Cellino? 

Lascio a Voi, ovviamente, ogni tipo di risposta!

 

Ciro Corradini