Strumenti

Arianna Regina Sandrini, Consigliere delegato alle Politiche Giovanili e Nicolò Rizzardi, Presidente della Commissione Politiche Giovanili del comune di Salò hanno indirizzato una lettera ai giovani nella quale chiedono attenzione e prudenza. Ecco il testo.

Cari ragazze e ragazzi,

la situazione che stiamo vivendo in questi giorni è veramente seria e allarmante. L’idea, diffusa da tempo, che gli Uomini potessero essere i depositari dei destini della Natura si sta pesantemente scontrando con una forza microscopica, ma estremamente contagiosa, un virus che sta facendo letteralmente tremare il Mondo e sprofondare l’economia.

In questi momenti di estrema difficoltà, tutti sono chiamati a fare la propria parte.

Lo sono le istituzioni che stanno monitorando costantemente la situazione e stanno emanando indicazioni normative per contenere il contagio; lo sono i medici, gli infermieri e il personale sanitario che, nei nostri ospedali, stanno facendo turni massacranti e pericolosi per prendersi cura di coloro che, giovani e meno giovani, stanno subendo gli effetti peggiori di questa malattia; lo sono i cittadini – tutti i cittadini – chiamati a limitare gli spostamenti e i contatti sociali.

Lo siamo anche noi giovani: RESTIAMO A CASA!

Dobbiamo impegnarci ed essere collaborativi, dobbiamo rispettare le regole, dobbiamo seguire le ordinanze, dobbiamo mettere in pratica le indicazioni e usare la testa.

Dobbiamo impegnarci non soltanto perché dobbiamo evitare di essere contagiati noi stessi, ma dobbiamo proteggere dal virus tutte le persone alle quali vogliamo bene, come i nostri amici e le nostre stesse famiglie: i nostri fratelli e sorelle, i nostri genitori, i nostri nonni e bisnonni.

Sono coloro che ci hanno cresciuto e accompagnato e che – nel momento del bisogno, ORA – contano sul nostro senso di responsabilità; contano cioè sul fatto che noi applichiamo le regole e le indicazioni date, evitando di uscire di casa ed evitando in ogni modo assembramenti di persone.

Ragazze e ragazzi, non si scherza: ognuno di noi deve fare dei piccoli sacrifici per dare il nostro contributo alla lotta contro questa epidemia.

Solo rispettando tassativamente le ordinanze e tutti insieme riusciremo a sconfiggerlo il prima possibile.

Per favore: RESTATE A CASA!