SECONDO PIANO

 

E' stata pubblicata l'ordinanza sindacale n.174, che prende atto delle nuove disposizioni nazionali e regionali, nella quale sono contenute le seguenti prescrizioni:

 

🔸Le attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie) sono consentite dalle ore 5,00 sino alle ore 18.00 con la sola consumazione al tavolo, essendo esclusa ogni altra modalità, sia all’interno che all’esterno dei locali, e con un massimo di quattro persone per tavolo, (salvo che siano tutti conviventi);

 

🔸Deve essere osservato l’obbligo del servizio al tavolo oppure, in alternativa, l’asporto da parte del cliente, dei prodotti da consumare dal banco fino al posto a sedere;

 

🔸Con la chiusura dei pubblici esercizi all'ora stabilita deve cessare ogni somministrazione agli avventori presenti ed effettuarsi lo sgombero del locale.

 

🔸L'attività di ristorazione con consegna a domicilio deve avvenire entro le ore 23,00 nel rispetto delle norme igienico-sanitarie e di protezione personale sia per l'attività di confezionamento che di trasporto, avendo cura di dotarsi di rigidi protocolli di sicurezza anti-contagio, da comunicarsi preventivamente al Comune di Salò, e di adeguati strumenti di protezione individuale, nonché di osservare idonee pratiche di igiene, secondo un livello di cautele

 

rapportato ad una situazione almeno di quarantena precauzionale;

 

🔸La ristorazione con asporto o con modalità drive - through resta consentita fino alle ore 23, con divieto di consumazione sul posto o nelle adiacenze: A tale fine è fatto obbligo ai gestori dell’attività di ristorazione di programmare l’attività al fine di garantire il rispetto da parte dei clienti di quanto stabilito dall’Ordinanza del Ministro della Salute d’intesa con il Presidente della Regione Lombardia del 21 ottobre 2020 ovvero che dalle ore 23.00 alle ore 5.00 del giorno successivo sono consentiti solo gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o d’urgenza ovvero per motivi di salute; è in ogni caso consentito il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza;

 

🔸È fatto inoltre obbligo sia per gli esercenti attività di commercio al dettaglio che per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande:

 

a) di esporre all’ingresso del locale un cartello che riporti il numero massimo di persone ammesse contemporaneamente nel locale medesimo, sulla base dei protocolli e delle linee guida vigenti;

 

b) adottare regole di accesso, in base alle caratteristiche dei locali, in modo da evitare assembramenti e assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra i clienti

 

🔸È vietata la vendita per asporto di qualsiasi bevanda alcolica da parte di tutte le tipologie di esercizi pubblici, nonché da parte degli esercizi commerciali e delle attività artigianali dalle ore 18.00;

 

🔸Sono chiusi dalle 18.00 alle 5.00 i distributori automatici cosiddetti “H24” che distribuiscono bevande e alimenti confezionati, con affaccio sulla pubblica via; tale misura

 

non si applica ai distributori automatici di latte e acqua;

 

🔸È vietata dalle 18.00 alle 5.00 la consumazione di alimenti e bevande su aree pubbliche;

 

🔸È sempre vietato il consumo di bevande alcoliche di qualsiasi gradazione nelle aree pubbliche compresi parchi, giardini e ville aperte al pubblico.

 

v\:* {behavior:url(#default#VML);} o\:* {behavior:url(#default#VML);} w\:* {behavior:url(#default#VML);} .shape {behavior:url(#default#VML);} Normal 0 false 14 false false false IT X-NONE X-NONE /* Style Definitions */ table.MsoNormalTable {mso-style-name:"Tabella normale"; mso-tstyle-rowband-size:0; mso-tstyle-colband-size:0; mso-style-noshow:yes; mso-style-priority:99; mso-style-parent:""; mso-padding-alt:0cm 5.4pt 0cm 5.4pt; mso-para-margin-top:0cm; mso-para-margin-right:0cm; mso-para-margin-bottom:8.0pt; mso-para-margin-left:0cm; line-height:107%; mso-pagination:widow-orphan; font-size:11.0pt; font-family:"Calibri",sans-serif; mso-ascii-font-family:Calibri; mso-ascii-theme-font:minor-latin; mso-hansi-font-family:Calibri; mso-hansi-theme-font:minor-latin; mso-bidi-font-family:"Times New Roman"; mso-bidi-theme-font:minor-bidi; mso-fareast-language:EN-US;}

Come tutti gli anni il FAI (Fondo Ambiente Italiano) organizza le Giornate d’Autunno, che quest’anno si terranno durante due fine settimana: sabato 17 e domenica 18, e sabato 24 e domenica 25. È un evento che interessa tutto il territorio italiano, dedicato alla riscoperta dei luoghi d’arte e di cultura. Quest’anno uno dei luoghi promossi durante le prime due giornate è il Santuario della Madonna del Carmine di San Felice del Benaco. L’Amministrazione sostiene questa iniziativa, durante la quale delle guide messe a disposizione dai frati si incaricheranno di visite guidate che partiranno ogni mezz’ora, dalle 11 alle 16.30, sia sabato che domenica. “Consigliamo la visita a tutti, questo bellissimo Santuario, che risale al XIII secolo, racchiude affreschi splendidi e molto particolari.” dice Sandra Tarmanini, assessore alla Cultura del comune benacense: "E’ una vera perla per gli amanti dell’arte sacra medievale e dell’architettura, ma credo che anche molti Feliciani avranno piacere a riscoprirlo nei suoi più preziosi dettagli.”

Sarà presente anche un banco gestito dai volontari di varie associazioni del territorio, coordinati dall’amministrazione: si vuole cogliere l’occasione per promuovere l’intero territorio feliciano, con brochures informative e video sulle tre frazioni che compongono il comune, girati dal Consorzio Garda Lombardia quest’estate.

 

 



Riceviamo e pubblichiamo la comunicazione del sindaco di San Felice Simone Zuin.

La sospensione del servizio del trenino turistico è stata la conseguenza di una stagione che, anche quando "piena", è stata purtroppo vuota. Il solo mese di luglio ha registrato un calo di ospiti sul nostro territorio del 60% rispetto a quelli dello scorso anno. Con i confini regionali aperti il 3 giugno, le frontiere il 18, era una situazione difficile, che si è provato al meglio a normalizzare, all’interno di un quadro di totale incertezza.

 

L’appalto alla compagnia City Red Bus è stato assegnato a febbraio, riducendo i costi vivi del servizio, nonostante l’aggiunta di una carrozza accessibile alle persone con disabilità, per un totale di tre carrozze, una più degli altri anni. Si era inoltre riusciti ad incrementare il numero delle corse e ad aggiungere la cruciale percorrenza fino a Salò. A giugno è stata inserita nel capitolato una clausola riguardante i rischi derivanti da una stagione precaria in quanto a situazione sanitaria e relative ordinanze: se il trenino non avesse avuto sufficientemente utenti, di comune accordo si sarebbe potuto cessare il servizio.

 

Il trenino è stato usato molto poco, viaggiando spesso semivuoto, ed il numero delle persone non era sufficiente creando alla compagnia perdite importanti. Le parti hanno avviato un confronto e l’Amministrazione, a fronte di una verificata scarsità di utenti, non ha potuto insistere per un prolungamento del servizio: con un totale di soli 1.143 passeggeri paganti nel mese di luglio le perdite complessive sono state pari a circa 10.000€. Non era quindi realistico giungere a soluzioni diverse, perché era improponibile imporre ulteriori perdite ad una realtà economica, dopo gli sforzi che le amministrazioni stanno attuando per andare loro incontro. Il 2020 è, e deve essere, l’anno della solidarietà e del reciproco sostegno, e questo implica qualche comune sacrificio.

 

A carico del Comune si quantificava un costo di 15.000€ (negli anni precedenti era di circa 36.000) dal 1° luglio al 15 settembre, 77 giorni: il servizio è stato pagato solo per quanto riguarda i 36 giorni effettuati.

 

Nella situazione economica in cui versa il Paese, e con un introito dell’imposta di soggiorno del tutto incerta, era comunque impensabile investire ulteriore denaro pubblico per questo servizio.

 

Il trenino resta un servizio da fornire ai turisti per l’estate, bisognerà capire quanto si prolungherà la situazione emergenziale all’interno della quale è evidente che si sta operando. Per il 2021 è previsto, per quanto possibile a oggi fare programmi a lunga scadenza, continuare con i servizi aggiuntivi già descritti, andando anche oltre i mesi di altissima stagione.

 



Riceviamo e pubblichiamo.

“Il Garda è patrimonio comune tra Lombardia, Veneto e Trentino. Si rende necessario coordinamento per politiche comuni per favorire il turismo.” Floriano Massardi, vicecapogruppo della Lega in Regione Lombardia, invita le tre regioni bagnate dal Lago di Garda ad adottare protocolli comuni per incentivare il turismo a maggior ragione dopo l’emergenza Covid19 che ha messo a dura prova gli operatori del sistema e l’economia dei territori. “L'emergenza coronavirus si è fatta pesantemente sentire anche sulle sponde del Lago di Garda, turismo che vale, in termini di indotto economico, oltre 4 miliardi di euro. Numerosissime purtroppo sono state le disdette.” Massardi, in linea con quanto già proposto da altri consiglieri lombardi ritiene che uno strumento utile potrebbe essere l’accordo quadro interregionale sottoscritto dalle tre regioni e dalla Comunità del Garda per armonizzare scelte amministrative e politiche per l’area lacustre. “Diamo impulso a questi accordi per superare le differenti misure di sicurezza e prevenzione e rendere finalmente il Garda una ricchezza per tutti”, ha concluso Massardi.



Il Comune di Desenzano del Garda, in un’ottica di sempre maggior sostegno alle famiglie, vuole favorire la frequenza delle attività organizzate per i minori di età compresa tra gli 0 ed i quattordici anni e ragazzi, attivate nel periodo di sospensione scolastica, attraverso il riconoscimento di contributi economici – voucher.

L’Amministrazione Comunale, Assessorato ai Servizi Sociali, organizza per il periodo 27 luglio 21 agosto 2020 attività estiva centro ricreativo diurno all’aperto  per bambini e bambine di età 06-11 anni, solo nel caso si raggiungano almeno 10 iscrizioni  potrà partire anche un gruppo  di età compresa tra i 12 e i 14 anni

L'Aia ha reso note le designazioni per la 5ª giornata di Serie C.

Da venerdì 26 a domenica 28 giugno la Canottieri Garda è uno dei 250 circoli in Italia che aderiscono al Vela Day: tre giornate per promuovere la cultura della vela, organizzato dalla FIV (Federazione Italiana Vela) in collaborazione con Kinder Joy of moving.

La partecipazione all’iniziativa è libera e gratuita per adulti e bambini dai 6 anni compiuti. Gli armatori della classe Protagonist ospiteranno a bordo della propria imbarcazione gli aspiranti velisti nelle acque del Golfo di Salò. Per i più giovani saranno messe a disposizione delle derive, imbarcazioni utilizzate anche per la scuola vela, con l’assistenza di un istruttore federale.

Venerdì 26 giugno sarà la giornata dedicata all’informazione e alla raccolta iscrizioni, mentre sabato e domenica, dalle ore 10.00 fino al tardo pomeriggio, sono programmate le uscite in barca di un’ora, nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza.

Chi scoprirà di avere la vela nel sangue, potrà iscriversi ai corsi che la Canottieri Garda organizza regolarmente per adulti e bambini.

Per informazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 0365 43245

 

Feralpisalò Srl comunica di aver affidato la direzione sportiva, a partire dal primo luglio 2020, al Signor Oscar Magoni.

Cerca un articolo

Meteo

 
 
 
 
 
 
 
El Furner En Piasa
Per la tua pubblicità chiama al 03651896530

Prossimi Eventi

Per la tua pubblicità chiama al 346/3095149