17
lug, mer

Con il progetto “Giappone sul Garda” sul lago di Garda si guarda ad Oriente, strizzando l’occhio al prossimo Expo di Osaka 2025. Il prossimo 28 giugno il primo evento, l'inaugurazione di una mostra con opere di due giovani artisti coetanei, uno italiano e l'altro giapponese.

"Progettare società future per le nostre vite" è il tema dell’Expo 2025 che si terrà ad Osaka in Giappone con l'obiettivo ambizioso di essere un luogo in cui le conoscenze del mondo saranno riunite e condivise per aiutare a risolvere i problemi globali. Il progetto del Padiglione Italia, in particolare, pone al centro della riflessione il valore della persona e le sue interazioni con il mondo circostante: la società, ma anche la tecnologia e la sostenibilità. Italia e Giappone vantano infatti un record assoluto a livello mondiale e cioè quello di avere il maggior numero di centenari in proporzione alla popolazione, segno evidente che la qualità e lo stile di vita sono particolarmente buoni e corretti.

Un tema questo che si adatta bene a descrivere la bellezza della vita sul lago di Garda dove il paesaggio, la natura, la vegetazione, i colori e i profumi, offrono anche a chi è solo di passaggio per una vacanza o un viaggio di vivere un'esperienza particolarmente emozionante. A questo proposito è intervenuta Barbara Mazzali, assessora al Turismo, Marketing territoriale e Moda di Regione Lombardia, in occasione della visita a Gardone Riviera per la presentazione della proposta di progetto. “Tanti studi evidenziano l’importanza strategica del ‘Destination marketing' nel turismo – ha spiegato Mazzali – e oggi, infatti, i potenziali turisti hanno facilità di accesso e collegamento con tante destinazioni in tutto il mondo, a portata di ‘click’. La competizione è serrata. Per attrarli è quindi necessario valorizzare il proprio brand, l’immagine positiva collegata alla possibilità di vivere esperienze uniche. Così è nato il nostro progetto di Marketing territoriale, il ‘Lombardia Style’. Grazie a questo brand vogliamo mettere ‘a sistema ’le tante   diverse eccellenze lombarde: paesaggi, cultura, moda-design, artigianato, tradizioni, enogastronomia”.

La persona è dunque al centro, il valore dell’essere umano e delle relazioni interpersonali raccontato attraverso tutto ciò che può migliorare la qualità della vita. Sulla sponda bresciana del Lago di Garda la sfida è stata raccolta con entusiasmo dall’Associazione Gardone Europa e dalla sua presidente, l’architetto Monica Tessarolo, che ha voluto da subito coinvolgere un popolo rispettoso della persona e dell’ambiente per promuovere un Turismo di qualità e non di massa, coinvolgendo Enti ed Istituzioni, Attività Turistiche e privati cittadini nell’offrire una proposta culturale di altissimo livello volta a promuovere l’’’experience” gardesana, la qualità della vita, il rispetto del paesaggio anche ai Paesi più lontani e che meno conoscono il Lago di Garda.

Considerando la prospettiva dell’Expo 2025 a Osaka, che prevede una possibile partecipazione di “Experience” all’interno dello stand di Confindustria dedicato alla Longevità, il palinsesto degli eventi sarà dedicato nei prossimi mesi dunque proprio al Paese del Sol Levante, con arte, musica e cultura giapponese a confrontarsi con il territorio del Lago di Garda. Sono presenti fin dai primi passi il presidente del Consorzio Lago di Garda – Lombardia Marco Girardi e la direttrice Daiana Cominotti; sono stati coinvolti inoltre il sindaco di Gardone Riviera Andrea Cipani con il vice sindaco Gianpietro Seresina e il presidente della Pro Loco di Gardone Alessandro Cipani, con l’auspicio che una volta concluso il momento delle elezioni anche gli altri Comuni, da Salò a Toscolano a Limone del Garda, possano condividere l’esperienza.

Il comitato tecnico è guidato da Nicola Bianco Speroni, “giapponese di lungo corso”, con l’ausilio di Alberto Moro, presidente dell’Associazione Culturale Giappone in Italia; comprende inoltre Graziella Belli, direttrice del Giardino Botanico “Heller”, Monica Tessarolo, presidente dell’Associazione “Gardone Europa” che ha saputo coinvolgere artisti di fama internazionale i quali porteranno sul lago di Garda opportunità di incontri culturali unici e di grande appeal per un largo pubblico. E' in allestimento proprio in questi giorni nel Grand Hotel Fasano, nell’Hotel Savoy, nell’Hotel Monte Baldo e nel Giardino Botanico Heller una mostra di arte contemporanea di due giovani artisti coetanei, Tiziano Ronchi e Mitsuki Akiyama, che da prospettive geografiche diverse indagano il rapporto uomo-natura con risultati a volte perfettamente coincidenti. L’inaugurazione è prevista per il 28 giugno alla presenza del Console Generale del Giappone Toshiaki Kobayashi, con la presentazione degli artisti Tiziano Ronchi, e di Mitsuki Akiyama e della mostra fotografica “Il mio Giappone“ di Alberto Moro.

La cerimonia prevede la partenza dal giardino Botanico Heller per la raccolta di fiori recisi che verranno utilizzati durante la cerimonia del tè presso il Grand Hotel Fasano nel pomeriggio. Durante il percorso si visiteranno gli Hotel Savoy e Montebaldo che ospitano le opere degli artisti ed il percorso sarà accompagnato da una visita guidata riservata alla moglie del Console e agli ospiti che vorranno assistere, in ricordo della storia di Gardone e della presenza, in tempo di guerra, del Consolato giapponese a Gardone Riviera. Il programma prevede anche momenti musicali fra i quali, particolarmente atteso a Gardone, il celebre pianista giapponese Takahiro Yoshikawa.

La conclusione del progetto avverrà ad ottobre presso il Giardino Botanico Heller per l’inaugurazione della casa del tè che verrà realizzata dall’architetto giapponese Sachimine Masui. Arte, natura e contemporaneità, una camera con vista sulla bellezza del lago di Garda.