Strumenti

Dopo ventidue giorni di astinenza,tanto è passato dall'ultimo impegno delle rondinelle,i biancoazzurri tornano finalmente in campo per affrontare la Fiorentina nell'ambito della ottava giornata del Campionato di Serie A.

Una lunga astinenza da calcio per i tifosi del Brescia che di certo non possono accontentarsi delle amichevoli che hanno contraddistinto questo periodo.

All'interno di questi ventidue giorni alcune cose importanti peraltro sono accadute:la Panchina d'Oro che è stata consegnata dall'Associazione Italiana Allenatori,sezione di Brescia,presieduta da Paolo Rosselli, a Eugenio Corini e poi la grande festa per il tecnico biancoazzurro nella sua Bagnolo Mella ed ancora come non ricordare l'esordio nella Nazionale maggiore di Tonali,"enfant prodige" del calcio italiano,giocatore che a Brescia è definitivamente esploso ma che,secondo me,ha grandi margini di miglioramento.

L'altra buona notizia di questa settimana è il rientro in gruppo di Ndoj,giocatore che si era infortunato durante la preparazione a Darfo e che adesso è finalmente rientrato nel gruppo e quindi a questo punto Corini col tempo potrà avere a disposizione anche lui,un tassello importante nel centrocampo biancoazzurro.

Nel frattempo sono rientrati anche Magnani e Viviani,altri due giocatori che erano alle prese con problemi fisici;diciamo che da questo punto di vista i ventidue giorni di pausa sono certamente serviti a ottenere quel gruppo sul quale poi Corini deve lavorare in vista delle prossime partite.

Il prossimo ostacolo è la Fiorentina,un ostacolo non semplice per un Brescia che tutti siamo curiosi di vedere per capire come avrà assorbito questa pausa:lo scopriremo Lunedì e sarà un Lunedì all'insegna della "viola"con il campo quel Ribery che è già diventato il faro della squadra allenata da Montella.

Credo sarà una bella partita:i presupposti ci sono tutti e la speranza è poi,alla fine,al di là di quello che sarà lo spettacolo, che il Brescia faccia punti e torni al successo,allontanandosi dalle zone basse della classifica.

Ciro Corradini