Strumenti

Questa mattina il Brescia si è risvegliato con la notizia dell'esonero di Eugenio Corini. Fatale al tecnico di Bagnolo Mella la sconfitta,per molti versi immeritata del Bentegodi a Verona.

 

La partita si è chiusa con sul 2 a 1 a favore dei padroni di casa col Brescia che,pur giocando una buona gara,non è stato sorretto dalla buona sorte.Inutile la prodezza di Balotelli che aveva riaperto il match a pochi minuti dalla conclusione,Balotelli protagonista anche di un episodio del quale parlano stamattina tutti i giornali nazionali e non solo ovvero della sua decisione,di fatto,di interrompere la partita a causa dei cori razzisti nei suoi confronti.

Balotelli voleva addirittura uscire dal campo,poi è stato convinto dai compagni a rimanere sul terreno di gioco.

La partita è rimasta ferma per circa quattro minuti e poi è ripresa;naturalmente questa mattina molto si discute su questa vicenda che è stata stigmatizzata da più parti mentre per quanto riguarda la sponda veronese Juric,allenatore del Verona,è intervenuto dicendo che lui questi famosi cori razzisti non li ha sentiti e ha sentito soltanto cori di presa in giro nei confronti del giocatore biancoazzurro.

Sconfitta fatale ad Eugenio Corini che così viene esonerato.Con uno scarno comunicato,pubblicato sul sito della Società,di solo due righe si dice che Eugenio Corini è stato esonerato.Nessun ringraziamento,neanche pro forma,verso il tecnico di Bagnolo che è stato protagonista,lo scorso anno,di una cavalcata travolgente,che ha consentito al Brescia di riallacciare la Serie A.

Corini paga qualche errore nelle scelte ma soprattutto paga l'instabilità del Presidente Cellino. Già da tempo si diceva che la panchina di Corini fosse ad alto rischio e non dimentichiamo quanto accaduto in sede di precampionato con il rinnovo al tecnico di Bagnolo che tardava.

Evidentemente già questa estate c'era qualche discrepanza fra quelle che erano le idee di Cellino e quelle di Corini; sta di fatto che poi alla fine Corini è stato confermato,Cellino gli aveva rinnovato la fiducia e si era espresso in modo positivo nei sui confronti ma poi con l'andar delle giornate e soprattutto con i risultati negativi qualcosa si è ulteriormente incrinato.

Così,come spesso accade nel calcio,a fare le spese dei risultati negativi,è l'allenatore.

In realtà Cellino dovrebbe interrogarsi anche sulle scelte di Corini di quest'estate,in particolare su quelle di mercato.

Da molte parti si è sottolineato come questa squadra sia incompleta.Io rimarco soltanto una cosa:la difesa del Brescia sostanzialmente è quella dello scorso anno;un solo cambio dietro con l'arrivo di Chancellor al posto di Romagnoli per una difesa che nel Campionato di Serie B è stata una delle peggiori del Torneo.Brescia che prendeva sempre gol ed aveva problemi difensivi ma in Serie B riusciva comunque ad uscire con un risultato positivo grazie ad un attacco che rea il migliore del Campionato.

Evidentemente in Serie A diventa più difficile per giocatori come Donnarumma ed il lungodegente Torregrossa andare in rete e fino a questo momento la prova di Balotelli non è stata probabilmente all'altezza di quelle che erano le attese.

Qualcosa dietro bisognava fare,non è stato fatto ed il Brescia continua a prendere gol,anche in maniera inopinata,come è accaduto a Verona,dove un giocatore piccoletto è riuscito di testa a svettare in area,sbloccando il risultato e portando in vantaggio il Verona.

Quello che ci attende a questo punto è difficile da capire,sembra che il nome più gettonato sia quello di Lopez che però ha un contratto in corso con il Penarol e quindi,almeno per un mese,potrebbe non essere disponibile.

Francamente da Cellino si può attendere tutto ed il contrario di tutto:si è detto e si è scritto nei giorni passati che il Presidente avrebbe incontrato Prandelli che avrebbe rifiutato l'offerta di Cellino.

Nelle prossime ore ne sapremo di più.

 

Ciro Corradini