Strumenti

Buon inizio di settimana a tutti voi anche se per i tifosi biancoazzurri non è certo un buon inizio!

Brescia sconfitto,a nulla è servito il cambio dell'allenatore,con l'esonero di Eugenio Corini al posto del quale è stato chiamato Fabio Grosso.Verrebbe da dire un "grosso" sbaglio a giudicare da quanto è accaduto al Rigamonti sabato.

Quattro a zero il risultato finale di una gara che in realtà il Brescia ha giocato solo per una decina di minuti.Certo sul risultato finale pesano le decisioni dell'arbitro,in particolare la concessione del primo calcio di rigore che è apparso piuttosto largo a favore del Torino.Per il resto,una volta rimasti in dieci per l'espulsione di Mateju che coincide con il secondo calcio di rigore,il Brescia sostanzialmente non è più esistito.

Non è piaciuto il Brescia,non è piaciuto l'atteggiamento,non sono piaciute le scelte di Grosso che peraltro sembra aver accontentato il suo Presidente,di fatto,perchè ha tenuto Donnarumma in panchina(secondo Cellino infatti Donnarumma ed il buon Balotelli insieme non possono giocare),perchè ha schierato Spalek dal primo minuto ,perchè ha riconfermato Aye.Tutte queste scelte di Cellino ed alla fine tutte scelte che non hanno pagato.Il Brescia ha disputato forse uno dei peggiori primi tempi di questo campionato,nella ripresa,per una decina di minuti,ha provato a rientrare in partita e poi Grosso ha tolto Balotelli per inserire Donnarumma,altra scelta che possiamo considerare poco felice.Se devi rimontare ed hai un uomo come Balotelli,a che serve toglierlo:forse valeva la pena in quel momento schierare due attaccanti,Donnarumma insieme a Balotelli,togliendo un Aye che francamente sta sempre più deludendo.Alla fine è stato quattro a zero il risultato finale ed una situazione di classifica che si fa sempre più pesante con alla vista,dopo la pausa per gli impegni della Nazionale,il match con la Roma ed il derby in trasferta con l'Atalanta:due partite sulla carta proibitive prima di un Dicembre che ci vedrà impegnati contro squadre che come il Brescia lottano per non retrocedere.

Un paio di note ancora:

La prima riguarda i cori:contestato Cellino ma cori anche a favore di Eugenio Corini.

La seconda,permettetemi la divagazione,riguarda il sottoscritto:anche questa volta il Brescia Calcio e Cellino hanno respinto la mia richiesta di accredito,ancora una volta mi è stata negata la possibilità di svolgere il mio lavoro entrando al Rigamonti.

Naturalmente io non mi arrendo,continuerò la mia battaglia,una battaglia che ha peraltro il sostegno di tantissimi tifosi che mi dimostrano in queste ore ed in questi giorni grande e straordinaria solidarietà.

 

Ciro Corradini