Strumenti

E' un inizio di settimana con il sorriso per i tifosi biancoazzurri, per i tifosi del Brescia che ritrovano una vittoria che mancava da troppo tempo,che ritrovano Eugenio Corini tornato la scorsa settimana sulla panchina biancoazzurra,dato l'esonero di tre partite.

Una vittoria preziosissima quella del Brescia che è andato ad espugnare il campo della Spal lasciando proprio i ferraresi all'ultimo posto.Vittoria preziosa ed importante perchè è arrivata in un momento delicatissimo,perché conquistata contro una diretta concorrente,perché apre di fatto un ciclo alla portata dei biancoazzurri, nel migliore dei modi.

A decidere il match un gol di Balotelli, guarda caso,uno degli uomini più discussi di questa triboltata stagione:è stato lui a regalare i tre punti ad Eugenio Corini con una conclusione sottomisura dopo respinta della difesa della Spal.

Un gol importante per il giocatore biancoazzurro, un gol importante per l'ambiente,un gol importante perché,lo ribadisco,consente al Brescia di abbandonare l'ultimo posto con una partita da recuperare,quella contro il Sassuolo dell'amico ma , per una sera, nemico De Zerbi.

Un Brescia che ritrova dunque fiducia,determinazione;un Brescia che finalmente si esprime così come ci si attendeva e come lo aspettavano i tifosi.

Un Brescia che combatte dal primo all'ultimo minuto.

Certo,sul piano del gioco,ancora sono possibili miglioramenti,però il ritorno di Corini ha portato quella sferzata di entusiasmo e di fiducia in un ambiente altrimenti depresso.

L'importante è adesso dimenticare in fretta le tre consecutive sconfitte incassate da Fabio Grosso:tre partite,zero punti.

La speranza è quella di non dover rimpiangere questa parentesi targata Grosso-Cellino nel proseguo della stagione perché poi la Serie A,con tutta probabilità,si conquisterà attraverso uno o due punti rispetto alle dirette concorrenti.

Evidentemente le tre partite che abbiamo lasciato, con Grosso in panchina,agli avversari potrebbero avere un peso rilevante.

Adesso conviene vivere alla giornata,conviene vivere partita per partita in attesa di un'altra sfida importante,di un'altra sfida delicata contro il Lecce di Liverani che,nel corso di quest'ultimo turno di campionato,è stato fermato sul risultato di parità ma perdeva due a zero con il Genoa e poi è stato capace di rimontare.

Il Lecce è una squadra che gioca un buon calcio,è una squadra che però ha la stessa ambizione del Brescia cioè quella di restare in Serie A.

Partita importante quella del prossimo weekend,ammesso e non concesso che vi siano partite non importanti.

Questa sfida con la Spal,dalla quale siamo usciti vittoriosi,apre un ciclo alla portata del Brescia:Sassuolo,Parma,Lecce sono tutte avversarie che i biancoazzurri possono affrontare con la consapevolezza di potersela giocare.

La speranza è naturalmente che il Brescia sappia dare continuità al successo ottenuto fuori casa e che finalmente abbatta il tabù Rigamonti perché questa è la terza vittoria che la squadra conquista ma sempre lontano dal proprio stadio.

Sarebbe ora di vincere anche al Rigamonti e la sfida con il Lecce, da questo punto di vista,giunge a proposito!

 

Ciro Corradini