Strumenti

La partita di Domenica con la Juventus è una partita intrigante,una partita per il Brescia importantissima e difficilissima.

La Juventus non sembra attraversare un periodo di forma particolarmente smagliante, è una Juventus dove le polemiche sulle scelte di Sarri, sul non gioco di Sarri, sono all'ordine del giorno, è una Juventus che viene da una sconfitta in Campionato contro il Verona, contro una buona squadra ma di certo non una corazzata come quelle che lottano per la conquista dello scudetto e dal pareggio in Coppa Italia ottenuto ieri sera nei minuti finali del match, grazie ad un calcio di rigore trasformato poi da Ronaldo.

Sulla carta comunque non c'è partita:la differenza e la caratura tecnica fra le due formazioni è evidente.

E' vero che lo stato di forma della Juventus non è particolarmente brillante ma è altrettanto vero che il Brescia non stà incantando: non è che la squadra biancoazzurra, prima di Corini e adesso di Lopez, sia reduce da prestazioni intriganti e da prestazioni esaltanti.

Per cui diciamo che in questo momento comunque i favori del pronostico vanno naturalmente alla Juventus che avrà la possibilità di giocare in casa, che ha comunque valori tecnici e caratura tecnica straordinari e prima o poi dovrà pur ritrovarsi.

Noi ovviamente speriamo sia poi, però sulla carta, ripeto, non c'è partita.

oltre tutto il Brescia arriva a questa sfida con qualche problemino: non ci sarà Torregrossa, credo che ormai sia praticamente certa la sua assenza e ci sono dubbi anche sulle presenze di Tonali e di Cistana; è evidente che se dovessero mancare anche questi giocatori, per Lopez si tratterà di una gatta da pelare di quelle particolarmente arruffate e difficili.

Insomma è una partita apparente scontata a favore della Juventus.

Di certo c'è che la situazione in classifica resta deficitaria, di certo c'è che avremo davanti tre partite difficilissime poiché dopo la Juventus affronteremo il Napoli e poi il Sassuolo; di certo c'è che le giornate continuano a passare e la classifica continua a piangere.

Dopo di che nel calcio tutto è possibile e chissà....speriamo!

Anche perché sperare non costa nulla: chissà che non si riesca a fare quel colpo che potrebbe in qualche modo rilanciare le ambizioni di salvezza!

 

Ciro Corradini