Strumenti

Siamo alle solite: ancora una volta il Brescia esce con i complimenti, con le pacche sulle spalle, ma i punti li prende qualcun altro, nel caso la Juventus che vince relativamente in maniera facile.

Due a zero il finale per la Signora che dà l'impressione di non premere tanto sull'acceleratore di fronte ad un Brescia che, ricordiamolo, era privo di cinque o sei titolari.

Poi nel corso della sfida con i bianconeri ha perso il portiere titolare di giornata Alfonso, sostituito da Andrenacci, ed in seguito ha dovuto giocare buona parte della gara in dieci per l'espulsione per doppia ammonizione di Ayé.

E' finita due a zero per i bianconeri; certo, pensare di fare punti in casa della Juventus era davvero fantascienza, considerato che la Juve, davanti al proprio pubblico, raramente lascia per strada punti, però resta un po di rammarico per una sfida che il Brescia, tutto sommato viste le condizioni in cui è sceso in campo, ha giocato con le armi che aveva a disposizione.

Alla fine però i complimenti non bastano, la classifica continua ad essere asfittica, continua ad essere preoccupante, è aumentato il divario tra la zona salvezza ed il Brescia che davvero è chiamato ad un'impresa titanica se vuole provare a rimanere in Serie A.

In questo momento abbiamo davanti praticamente quasi tutta la Serie A quindi quella che attende il Brescia è una vera e propria impresa perché, per potersi salvare, il Brescia dovrebbe superare Genoa e Sampdoria che in questo momento lo precedono, i punti in classifica dei biancoazzurri restano sempre pochi, sedici, ed il Genoa che è terzultimo ha sei punti in più del Brescia mentre la Sampdoria, la zona salvezza, è a sette punti.

Il calendario dà un piccolo aiuto in quanto le sfide che attendono le squadre che ci precedono in classifica sono impegnative mentre il Brescia affronterà in casa il Napoli che è una squadra che alterna buoni risultati ad altri deludenti.

Di certo non sarà comunque una partita facile quella che attende la squadra di Lopez; il vantaggio è che il Napoli avrà la testa già alla Champions dove deve giocare con il Barcellona e quindi la speranza è che i partenopei abbiano i pensieri concentrati sulla sfida con una delle squadre più forti del mondo.

La quota salvezza sembra essersi alzata visto gli ultimi risultati: il Lecce, che era una delle squadre su cui si pensava potessimo fare corsa, è andato a conquistare una vittoria importante ed in questo momento è nove punti davanti al Brescia e quindi le distanze cominciano a farsi preoccupanti.

Staremo a vedere, bisogna vivere alla giornata comunque in casa Brescia nessuno vuole ammainare la bandiera ma di certo la situazione è pesantissima!

 

Ciro Corradini