Strumenti

Stiamo vivendo momenti incredibili sotto molti punti di vista ed anche il calcio naturalmente fa i conti col Coronavirus.

Come sapete alcuni giocatori sono risultati positivi, i più noti ora sono sono Rugani della Juventus e Gabbiadini della Sampdoria.

Il Campionato è sospeso e si discute su quello che accadrà alla ripresa, quando cioè scadrà il veto alle manifestazioni sportive che è stato deciso dal Coni e sottoscritto dalla Fgci con colpevole ritardo.

Ancora una volta il calcio italiano non ha fatto una bella figura ma, se guardiamo all'estero in casa Uefa ci si piò consolare:anche qui non si sà che pesci pigliare; c'è la Champions League da finire ma in questo momento chi se la sente di giocare contro la Juventus piuttosto che contro una squadra spagnola o francese? Così assistiamo a match a porte chiuse, come quello del Paris Saint Germain, ma nel contempo ci sono anche nazioni come l'Inghilterra, che al momento non hanno preso provvedimenti drastici come l'Italia o la Spagna che hanno sospeso al momento il proprio Campionato.

E' una situazione che non ha precedenti per cui è molto difficile fare previsioni su quello che accadrà.

Per quanto ci riguarda, per quanto riguarda il Brescia, c'è preoccupazione perchè il Brescia ha giocato con la Juventus in tempi recenti, quindi è stata allertata la squadra biancoazzurra decidendo di sospendere per questa settimana gli allenamenti e però le preoccupazioni, i controlli ed i tamponi saranno all'ordine del giorno.

E' una realtà con la quale tutti ci dobbiamo confrontare, il calcio non è diverso da ogni altra attività del nostro vivere quotidiano quindi giustamente, se si chiudono i negozi e le attività,perché non si dovrebbe fermare il calcio?

Aspettiamo di vedere quello che accadrà: è impossibile fare pronostici, fare previsioni.

Ci sono, per quanto riguarda il campionato di Serie A alcune idee; io credo che alla fine,se la vicenda Coronavirus, come tutti ci auguriamo, si risolverà in tempi relativamente brevi, si andrà ad uno spostamento dei Campionati europei e una conclusione a metà Giugno del Campionato perché le altre proposte come assegnare il titolo in base alla classifica  piuttosto che fare i play-off ed i play-out sono anacronistiche.

Tra l'altro queste misure riguarderebbero tutto il Calcio mondiale.

Del resto si è fermata anche l'NBA,la pallacanestro americana, quindi io credo che siamo di fronte ad eventi che non hanno alcun precedente.

Naturalmente l'invito che faccio a tutti voi è quello di rimanere a casa per trascorrere ore in tranquillità!

 

Ciro Corradini